PERCORSI TRA CIBO, CINEMA
E CULTURA

Il ristorante Ristòpolis, chiamato così in omaggio a METROPOLIS, film cult di Fritz Lang del 1926, nasce da un’idea che unisce l’amore per il cibo a quello per la cultura e per il cinema: passioni sviluppate dai proprietari nel corso di un’intera vita.

Attraverso il cibo, il cinema ha rappresentato i cambiamenti della società, seguendone le mutazioni del gusto: ci ha fatto sedere a tavola con popoli lontani, ma anche con i protagonisti di un’Italia dai piedi scalzi come quelli della Lollobrigida in “Pane, amore e fantasia”.

Dove il Mare
si sposa con la Terra

Ecco, quindi, un menù nel quale sono stati raccolti i piatti di una vasta filmografia in cui compare il cibo, attorno al quale sono stati sviluppati interi copioni.  

Il cinema ha rappresentato il cibo in tutti i modi, trattandolo come fatto culturale: se l’Italia del dopoguerra era un paese da sfamare, oggi è un Paese da accontentare sotto i più diversi profili gastronomici.

Ristòpolis nasce da queste storie: storie di cinema e cibo, storie di tradizione ed emozione, storie di esperienza e professionalità.

Scopri il menù e la carta dei vini, che lo spettacolo cominci!

Ristòpolis è pronto per soddisfare
i palati “cinegourmet” più raffinati

Proprio come nel lungometraggio Pixar “Ratatouille”, nel quale un implacabile critico culinario viene conquistato dalla ratatouille del giovane ex-sguattero: il tipico e tradizionale piatto di una cucina povera fa scivolare il feroce critico nelle più intime e fetali memorie infantili.

Il gusto è emozione e il menù che assaporerete nel nostro locale risponde alle suggestioni emotive che il cinema e la tradizione culinaria sanno regalarci.